SULLA PRECEDENZA DEL PERSONALE CONIUGE DI MILITAREO DI CATEGORIA EQUIPARATA

maggio 2, 2017 /

Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

L’art. 13, punto VI) del CCNI del 12.04.2017 stabilisce che “In base al disposto dell’art. 17, legge 28.07.1999 n. 266 e dell’art. 2, legge 29/03/2001 n. 86, il personale scolastico coniuge convivente rispettivamente del personale militare cui viene corrisposta l’indennità di pubblica sicurezza e che si trovi nelle condizioni previste dalle citate norme, ha titolo alla precedenza limitatamente ai trasferimenti all’interno e per la provincia a condizione che la prima preferenza espressa nel modulo domanda si riferisca al comune nel quale è stato trasferito d’ufficio il coniuge, ovvero abbia eletto domicilio all’atto del collocamento in congedo, in mancanza di istituzioni scolastiche richiedibili, va indicata una preferenza relativa al comune viciniore. Analoga precedenza è loro riconosciuta, nella fase dei trasferimenti interprovinciali ai fini del trasferimento nella provincia ed alle sedi residue dopo i trasferimenti nell’ambito di tale provincia. Il docente può usufruire di tale precedenza all’interno e per la provincia, a condizione che abbia espresso come prima preferenza una istituzione scolastica compresa nel comune dove è stato trasferito d’ufficio il coniuge ovvero abbia eletto domicilio all’atto del collocamento in congedo, oppure abbia espresso l’ambito corrispondente ad esso o alla parte di esso qualora intenda esprimere preferenze relative a scuole di altri comuni o ad altri ambiti della provincia.
Tale precedenza non si applica alla mobilità professionale.”
Come si può notare tale disposizione limita i casi in cui è possibile usufruire della precedenza all’ipotesi di trasferimento d’ufficio del coniuge militare ovvero all’ipotesi di collocamento in congedo dello stesso.
Ebbene il Consiglio di Stato ed in generale la giustizia amministrativa è intervenuta sul punto chiarendo cosa debba intendersi per trasferimento d’ufficio del militare e quali siano gli elementi che permettono di accertare in concreto se il trasferimento stesso possa qualificarsi tale ovvero a domanda. Tali principi sono fondamentali e vanno approfonditi caso per caso stante che, come si è detto, il trasferimento a domanda del militare non consentirebbe al coniuge docente di usufruire della suddetta precedenza.
Gli Avv.ti Ardizzone e Conti sono a disposizione per eventuali richieste di chiarimenti e/o consulenze su tale ipotesi di precedenza.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.